Google+ Followers

domenica 6 agosto 2017

C'è chi è Turista e chi fa il turista.



C’è chi è Turista e chi fa il turista.


C'è il turista facoltoso e quello che si adatta (anche in un garage).
C’è il turista che scappa dalla città e quello che si muove per un po’ di pace e benessere.

C’è il turista da mare e quello del mare.


C’è il turista al quale piace l’affollamento.

C’è il Turista.

C’è il turista delle passeggiate, escursioni, cultura, istruzione.
C'è il turista della movida.

C’è il turista occasionale e quello di passaggio.
C’è il turista del panino e della pizza e c’è il Turista.
C’è il turista della prima volta.


C’è il turista ostile e quello che si sente ospite.
Il turismo non ha età.
Il Turista sceglie il posto e il periodo per fare il Turista.
Sono compatibili queste tipologie di turismo nello stesso luogo, stesso posto e stesso ambiente? Sono compatibili queste categorie di turisti tutte insieme?
E noi quale tipo di turismo ospitiamo?
Abbiamo gli spazi le strutture ed i luoghi idonei per soddisfare tutte queste categorie di turismo e Turismo? Forse si o forse non ancora.


Il pensiero di Benjamin Franklin è sempre attuale:
"Ogni cosa al suo posto e un posto per ogni cosa"

Il messaggio di Samba Ndiaye ai suoi fratelli africani.

video

mercoledì 19 luglio 2017

Modificato l'art. 114 della nostra Costituzione all'insaputa di tutti.



Nessuno se n'è accorto o tutti fanno finta di nulla.

E' stato modificato, di fatto, l'art. 114 della nostra Costituzione?

Il nuovo testo è stato cosi modificato:
La Repubblica è costituita da una grande torta a forma di stivale e da due altre piccole torte che amministratori, impiegati e imprenditori, senza scrupoli, possono tranquillamente mangiare di giorno e di notte a loro piacimento.
La Repubblica è circondata, inoltre, da tantissimi altri cittadini, residenti nei Comuni, nelle Province, nelle Città metropolitane e nelle Regioni, che restano lontani dalla Repubblica e a guardare come i primi si mangiano la grande torta suddivisa ormai in tanti piccoli o grandi settori a seconda degli interessi.
La Repubblica resterà in vita fino a quando non resterà l'ultima fetta di torta. Solo quando arriverà quel momento (non mancherà molto) ci si accorgerà che la festa e la mangiatoia è finita.
Subito dopo sarà dichiarata la fine della Repubblica Italiana.


Il vecchio testo recitava cosi:
La Repubblica è costituita dai Comuni, dalle Province, dalle Città metropolitane, dalle Regioni e dallo Stato.
I Comuni, le Province, le Città metropolitane e le Regioni sono enti autonomi con propri statuti, poteri e funzioni secondo i principi fissati dalla Costituzione.
Roma è la capitale della Repubblica. la legge dello Stato disciplina il suo ordinamento.




lunedì 17 luglio 2017

Pensiero del giorno.


Pensiero del giorno.
Anche il Comune di Lecce si appresta (ormai) a collocare ben 10 autovelox (tangenziale est e superstrada per Brindisi).
Ma la notizia non è questa.
La notizia è che per il "noleggio" di questi strumenti il Comune di Lecce dovrà sborsare, in base ad un bando di gara, una somma vicina a 1.800.000,00 euro l’anno (iva esclusa).
Il mio (umile e modesto) pensiero è che il Comune di Lecce (come tutti gli altri), anzichè spendere tutte quelle somme in favore di questi (inutili) strumenti elettronici e di un unico imprenditore potrebbe assumere e collocare sulle strade almeno 80-100 vigili !
Tornare, quindi, alla cultura del normale fermo del veicolo e del controllo quindi ai normali posti di blocco ... alla penna e al blocchetto.
Ma quale sicurezza stradale può offrire l'autovelox se poi la multa arriva a casa del proprietario (e non dell'effettivo conducente) dopo giorni e giorni dalla presunta infrazione?
Bisogna punire severamente solo chi sbaglia.
E questo può avvenire solo con la contestazione immediata.
Basta con questi (inutili) strumenti ameno fino a quando non inventeranno un autovelox in grado di "fermare" chi non è nello stato psico-fisico di guidare un veicolo o di "fermare" (prima che sia troppo tardi) un veicolo in condizioni NON idonee per circolare.
Poveri noi.